41° ASSEMBLEA ANNUALE ANCI – TORINO, 20-22 NOVEMBRE

L’assemblea annuale si aprirà il 20 novembre con la XX assemblea congressuale, chiamata ad eleggere il nuovo presidente dell’Anci. Scarica le prime note logistiche e informative.

“Facciamo l’Italia, giorno per giorno”. E’ questo il titolo della 41ª Assemblea annuale dell’Anci che quest’anno si svolgerà al Lingotto di Torino dal 20 al 22 novembre prossimi. L’assemblea annuale si aprirà il 20 novembre con la XX assemblea congressuale, chiamata ad eleggere il nuovo presidente dell’Anci. Nei prossimi giorni verranno forniti ulteriori aggiornamenti sull’evento.

Link alla pagina dedicata del sito Anci

Note organizzative

Richiesta di rimborso

Procedura di rimborso Comuni fino a 15 mila abitanti

Guida alla prenotazione alberghiera

 

 




SIGLATO PROTOCOLLO CON COREDIAB PER LA TUTELA DEI MALATI DI DIABETE

Protocollo tra Anci Umbria, Federsanità Anci Umbria e Corediab Umbria a tutela dei malati di diabete

Firmato protocollo d’intesa per promuovere le problematiche legate a questa malattia sui territori e nelle scuole

Perugia, 17 luglio 2024 – Un protocollo per promuovere e sostenere la conoscenza delle problematiche legate al Diabete e sviluppare la sensibilità delle varie realtà locali organizzando  iniziative di informazioni, anche con riferimento a giovani e giovanissimi all’interno di scuole e Istituti di istruzione, promuovendo manifestazioni pubbliche che garantiscano visibilità e diffusione sui temi di interesse sociale. È questo uno degli obiettivi con cui è stato sottoscritto il documento tra Michele Toniaccini, presidente di Anci Umbria e sindaco di Deruta, Manuel Petruccioli, presidente di Federsanità Anci Umbria e sindaco di Giano dell’Umbria, e Sara Scillitani, vice presidente Corediab (Coordinamento regionale associazioni per il diabete) Umbria, realtà che raccoglie 8 associazioni regionali, durante una conferenza stampa che si è tenuta mercoledì 17 luglio presso la sala Pagliacci del palazzo della Provincia di Perugia. Presente anche Stefano Antonini, segretario di Corediab Umbria.

“Sottoscriviamo questo protocollo – ha esordito Michele Toniaccini per promuovere i servizi che queste realtà associative offrono a beneficio dei malati e delle loro famiglie. Questa iniziativa rientra in un programma più ampio, che coinvolge altre associazioni con le quali Anci Umbria e Federsanità Anci Umbria hanno creato una collaborazione dove intendiamo promuovere non solo le realtà associative ma creare una rete nelle reti. Stiamo presentando queste realtà nei territori coinvolgendo i Comuni, le zone sociali e la Regione Umbria per creare un valore aggiunto rispetto a quei servizi che offrono quotidianamente. Un’attività importante per valorizzare anche il ruolo dei volontari. Questa sinergia può essere un valore aggiunto per i Comuni, per gli amministratori ma anche per queste realtà associative”.

“Questo protocollo è importante perché possiamo trarre grande beneficio dalla collaborazione con i Comuni – ha spiegato Sara Scillitani perché noi ci rivolgiamo ai soggetti con la patologia ma facciamo molta prevenzione sulla popolazione sana per promuovere i corretti stili di vita, partendo dall’alimentazione e dall’attività fisica. Credo che questa sia una tematica che può coinvolgere direttamente chi amministra e gestisce una comunità perché parliamo a tutti”.

“Promuoveremo l’attività di queste associazioni sul territorio umbro – ha affermato Manuel Petruccioli e metteremo a disposizione la piattaforma nazionale Federsanità Academy,  per far conoscere tutte le attività, con la volontà di stringere un rapporto, anche in collaborazione con l’assessorato regionale competente al fine di divulgare, per promuovere questa malattia sul territorio regionale”.

Il protocollo è composto da 8 articoli e ha durata triennale, che prevede un tacito rinnovo di pari durata. Prevede varie forme di collaborazione da svolgersi sia in maniera congiunta che individuale. Tra le azioni previste anche quelle rivolte a garantire e promuovere l’inclusione delle persone con disabilità.

Corediab Umbria comprende 8 associazioni regionali: associazione Diabete Orvieto odv, associazione Diabetici Terni odv, associazione italiana Lions per il Diabete odv, Diabete 1 in famiglia aps, il Cammino Alta Valle del Tevere associazione diabetici odv, associazione diabetici Eugubini e dell’Alto Chiascio odv, Diabete Onboard aps, Associazione Spoletina per il diabete onlus. Il presidente Corediab, Riccardo Vinciarelli (presidente di Diabete Onboard), è delegato Diabete Italia Umbria per il diabete di tipo 1 adulto e membro del direttivo nazionale di Diabete Italia. Stefano Antonini (presidente Diabete 1 in famiglia), segretario Corediab, è delegato Umbria per diabete Italia per diabete tipo 1 in età evolutiva. Fabiana Reginelli (associazione diabetici Eugubini e dell’Alto Chiascio) è delegata Umbria per Diabete Italia per il diabete di tipo 2.




TRANSIZIONE DIGITALE, PUBBLICATA IN GU LEGGE CYBERSICUREZZA. LA NOTA ANCI

Con la nuova legge in tema di rafforzamento della cybersicurezza nazionale e di reati informatici vengono introdotte nuove disposizioni a cui anche i Comuni con popolazione superiore a 100.000 abitanti o comunque capoluogo di Regione e alcune tipologie di loro in-house dovranno attenersi per potenziare la resilienza cibernetica delle loro infrastrutture e sistemi informatici. L’Anci ha predisposto una nota sintetica relativa agli adempimenti di impatto diretto sui Comuni, per agevolarne la lettura da parte degli interessati.

Nota-di-lettura-DDL-Cyber_def

 

(Immagine sito Anci.it)




Anci Umbria, anche Perugia tra le 24 piazze italiane per invocare la pace in Ucraina

L’iniziativa è in programma giovedì 11 luglio alle ore 17 presso la sala Falcone Borsellino del palazzo della Provincia di Perugia

Anche l’associazione umbra sostiene le iniziative per l’emergenza umanitaria in Ucraina insieme al Movimento europeo azione non violenta

Perugia, 10 luglio 2024 – Anche Anci Umbria, insieme al Coordinamento delle Anci regionali, sostiene le iniziative per l’emergenza umanitaria in Ucraina insieme al Mean (Movimento europeo azione non violenta). Per questo anche Perugia (presso la sala Falcone Borsellino del palazzo della Provincia di Perugia) sarà tra le 24 piazze italiane che giovedì 11 luglio, alle 17 (ora italiana), saranno collegate con piazza Santa Sofia a Kyiv, cuore religioso dell’Ucraina, dove un centinaio di attivisti del Mean e i leader delle confessioni religiose locali daranno vita ad un momento di preghiera interconfessionale intitolato “un Magnificat per l’Ucraina”. La diretta dell’evento da Kyiv sarà trasmessa sulla pagina facebook di Mean.

Le 24 città che si sono organizzate per essere collegate con Kyiv sono: Milano, Roma,Jevoli (Cz), Torino, Cazzago Di Pianiga (Ve), ⁠⁠⁠Lamezia Terme, Mesagne (Br), Rutigliano (Ba), Buriasco (To), Ostuni (Br), Roma Eur, San Giorgio Del Sannio (Bn), Roma, Castelbuono (Pa), Ancona, Cinisello Balsamo (Mi), Benevento, San Severino Marche (Ma), Abbazia Di Montecassino (Fr), Montevergine (Av), Palermo, Firenze, Castello Dell’acqua (So) e Perugia. Per l’iniziativa è stato scelto l’11 luglio perché è il giorno della memoria religiosa di San Benedetto, patrono di Europa, e della memoria civile della strage di Sebrenica.




PERUGIA IN PIAZZA VIRTUALE PER LA PACE

L’11 luglio, giorno della memoria religiosa di San Benedetto, patrono di Europa, e della memoria civile della strage di Sebrenica, in piazza santa Sofia a Kiev, cuore religioso dell’Ucraina, i pacifisti italiani e la società civile ucraina, daranno vita ad un momento di preghiera interconfessionale intitolato “un Magnificat per l’Ucraina”.
Tante le città italiane collegate, tra cui Perugia con l’adesione di Anci Umbria.
L’iniziativa è promossa da MEAN (Movimento Europeo di Azione Nonviolenta), progetto specifico di costruzione della pace e di assistenza umanitaria in Ucraina, avviato in Italia dalla Rete “Per un nuovo Welfare” insieme ad altre 35 organizzazioni.

L’appuntamento è fissato per giovedì 11 luglio alle ore 17 presso la sede Anci Umbria – Sala Falcone Borsellino – palazzo della Provincia di Perugia.

 




OLTRE 100 GLI AMMINISTRATORI PRESENTI PER LA FORMAZIONE DI ANCI UMBRIA

Gli altri appuntamenti partiranno dal prossimo settembre

Il segretario Silvio Ranieri: “Il bilancio della prima giornata è ottimo”

Perugia, 3 luglio 2024 – Sono stati oltre un centinaio gli amministratori, soprattutto nuovi e provenienti da tutta Umbria, che hanno partecipato al primo dei cinque incontri formativi gratuiti promossi da Anci Umbria, che si è svolto questa mattina (mercoledì 3 luglio) presso la sala del Consiglio del palazzo della Provincia di Perugia. L’incontro, dal titolo “Status e ruolo dell’amministratore locale, strumenti per affrontare sfide complesse” e con il segretario comunale Valter Canafoglia come docente, ha trattato il tema generale dell’Amministrazione e degli amministratori: dalla condizione giuridica dei consiglieri comunali e degli assessori ai loro diritti e doveri, competenze e responsabilità; dal funzionamento del consiglio comunale alle deliberazioni di giunta e consiglio; dalla costituzione dei gruppi Consiliari al conflitto d’interesse; lo Statuto e i Regolamenti.

“Il bilancio della prima giornata è ottimo”, esordisce Silvio Ranieri, segretario generale di Anci Umbria, al termine della mattinata di lavori. “Penso – prosegue – che abbiamo raggiunto un obiettivo importante avendo raccolto l’esigenza e il bisogno di formazione da parte dei nuovi amministratori. Questa che si è appena conclusa in Umbria, è stata una tornata impegnativa con il rinnovo di 60 consigli comunali, giunte e Sindaci. È un’iniziativa necessaria soprattutto vista la presenza di numerose liste civiche che hanno visto eleggere persone che, in molti casi, non proviene dal mondo della politica. Questo ciclo di corsi è stato ideato per fare un momento di riflessione illustrando gli strumenti, il ruolo e le funzioni che si accingono a ricoprire anche in rapporto con la macchina comunale. Dare a queste persone degli elementi per svolgere al meglio il loro ruolo – conclude Ranieri – credo che sia stato molto importante e penso che sia stato raccolto molto bene, vista la presenza in sala di oltre un centinaio di amministratori”.

I corsi successivi partiranno dal prossimo settembre (le date sono ancora da stabilire), dureranno sempre 3 ore ed avranno il compito di scendere un po’ più nel dettaglio del contesto normativo e degli strumenti della programmazione comunale. Tema del secondo incontro sarà “Il contesto normativo e gli strumenti della programmazione comunale” con docente Stefano Baldoni; del terzo “Introduzione alla normativa in materia di Pnrr” con Alessandro Formica; del quarto “Lo strumento della pianificazione comunale di protezione civile a supporto degli amministratori locali” con Francesca Procacci ed Emanuele Volpe; del quinto “I servizi demografici funzioni statali attribuite ai comuni per il principio di sussidiarietà” con Lorella Capezzali. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito web di Anci Umbria (www.anci.umbria.it).




AGGIORNAMENTO CONTRIBUTI RAFFORZAMENTO SERVIZI SOCIALI COMUNALI/EMERGENZA UCRAINA

Con riferimento al contributo, forfettario una tantum, per il rafforzamento temporaneo dei servizi sociali comunali, in considerazione delle molteplici richieste da parte dei Comuni destinatari delle risorse e in accordo con il Dipartimento della Protezione civile nazionale, come da nota, che si allega, ricevuta il 28 giugno, si comunica quanto segue.

Il termine per la presentazione della relazione informativa contenente la descrizione dei servizi sociali a cui sono state destinate le risorse, relative alle assegnazioni 2022 e 2023, è prorogato al 30 novembre 2024.

Si ricorda che la relazione deve essere trasmessa attraverso la piattaforma ANCI a cui i Comuni beneficiari potranno accedere tramite apposito link, generato ad uso esclusivo per ciascun Comune e trasmesso da Anci all’ente.

https://www.anci.it/emergenza-ucraina-attivata-piattaforma-per-relazioni-sul-contributo-ai-servizi-sociali-2022-e-2023/

Per ogni necessità riferita alla piattaforma i Comuni potranno rivolgersi all’indirizzo infofondoucraina@anci.it.

Nota proroga termini relazione fondo servizi sociali_emergenza ucraina

 

 




AL VIA I CORSI GRATUTITI PER AMMNISTRATORI

Già quasi 100 iscritti in rappresentanza di oltre 30 Comuni

L’obiettivo è quello di fornire riflessioni teoriche e strumenti pratici da utilizzare a supporto dell’attività amministrativa quotidiana

Perugia, 28 giugno 2024 – Sono già quasi un centinaio, in rappresentanza di oltre 30 Comuni, le persone che si sono iscritte al nuovo ciclo di cinque incontri formativi gratuiti promossi da Anci Umbria, pensati ed offerti ai nuovi amministratori (sindaci, assessori e consiglieri), ai nuovi eletti (giovani o alla prima esperienza), ma anche ai più esperti. Il primo, in programma mercoledì 3 luglio presso la sala del Consiglio del palazzo della Provincia di Perugia (dalle ore 9,30 alle ore 12,30), avrà come docente Valter Canafoglia e si intitola: “Status e ruolo dell’amministratore locale, strumenti per affrontare sfide complesse”. Tratterà il tema generale dell’Amministrazione e degli amministratori: dalla condizione giuridica dei consiglieri comunali e degli assessori ai loro diritti e doveri, competenze e responsabilità; dal funzionamento del consiglio comunale alle deliberazioni di giunta e consiglio; dalla costituzione dei gruppi Consiliari al conflitto d’interesse; lo Statuto e i Regolamenti.

Il calendario dei corsi è stato presentato venerdì 28 giugno alla sala Falcone Borsellino del palazzo della Provincia di Perugia alla presenza di Michele Toniaccini, presidente di Anci Umbria e sindaco di Deruta, Silvio Ranieri, segretario generale di Anci Umbria, e dei docenti Valter Canafoglia, Alessandro Formica e Lorella Capezzali.

“Questa iniziativa è una grande opportunità anche per conoscere i nuovi amministratori e I Sindaci prima del loro approccio al percorso amministrativo. Questi corsi sono con contenuti di alta qualità, che consentiranno di affrontare questioni e tematiche importanti dal punto di vista normativo e funzionale. Conoscendoci, inoltre, possiamo creare sinergie e collaborazioni, indispensabili per affrontare le problematiche che vedono spesso i Comuni in prima linea”, ha esordito Michele Toniaccini.

“Con questo ciclo di corsi – ha spiegato Silvio Ranieri, che ha illustrato i cinque appuntamenti –crediamo di aver raccolto le esigenze di chi ha deciso di intraprendere questa avventura di amministrare la propria città. Per questo abbiamo pensato di organizzare cinque giornate formative per consentirgli di affrontare al meglio l’attività amministrativa. Siamo soddisfatti di aver raggiunto quasi 100 iscritti ed è ancora possibile aderire. Se poi, per varie esigenze, sarà necessario riproporli è nostro dovere e piacere farlo. Ringrazio, infine, i docenti, che sono tutti impiegati della pubblica amministrazione, che ci mettono a disposizione la loro competenza”.  

I corsi successivi, le cui date sono ancora da stabilire, dureranno sempre 3 ore ed avranno il compito di scendere un po’ più nel dettaglio del contesto normativo e degli strumenti della programmazione comunale.

Tema del secondo incontro “Il contesto normativo e gli strumenti della programmazione comunale” con docente Stefano Baldoni; del terzo “Introduzione alla normativa in materia di Pnrr” con Alessandro Formica; del quarto “Lo strumento della pianificazione comunale di protezione civile a supporto degli amministratori locali” con Francesca Procacci ed Emanuele Volpe; del quinto “I servizi demografici funzioni statali attribuite ai comuni per il principio di sussidiarietà” con Lorella Capezzali.

L’iniziativa è stata pensata da Anci Umbria in considerazione del fatto che le recenti elezioni amministrative hanno coinvolto 60 comuni umbri (39 in provincia di Perugia e 21 in provincia di Terni). L’obiettivo è quello di fornire riflessioni teoriche e strumenti pratici da utilizzare a supporto dell’attività amministrativa quotidiana.

È ancora possibile iscriversi ai corsi. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito web di Anci Umbria (www.anci.umbria.it) oppure contattare il seguente numero 075/5721083 o scrivere alle email: raffaellaricci@anci.umbria.it, valentinafenza@anci.umbria.it




GORI, PICCOLI COMUNI ANCI UMBRIA: PREOCCUPAZIONE PIANO 5G

Gori: “Lancio un segnale ad Anci nazionale e chiediamo un incontro all’assessore regionale e ai parlamentari umbri”

Perugia, 27 giugno 2024 – C’è grande preoccupazione, non soltanto tra i Piccoli Comuni, circa l’emendamento al decreto Coesione, approvato in commissione Bilancio del Senato, che di fatto scavalca i regolamenti comunali sulla pianificazione delle installazioni di antenne nei territori cosiddetti “aree bianche”, per consentire il raggiungimento degli obiettivi di trasformazione digitale del “Piano Italia 5G”.

“I regolamenti restano l’unico strumento nelle mani dei Comuni – afferma Federico Gori, sindaco di Montecchio e coordinatore piccoli Comuni umbri – per pianificare la realizzazione degli impianti. Ad oggi, sembra che manchino strumenti di protezione per i Comuni, che non possono interloquire sul rischio per la salute pubblica (di cui si ricorda, il sindaco sarebbe il garante sul suo territorio, ndr) e sul rispetto delle aree di interesse paesaggistico (da cui molti Comuni traggono un’importante parte della loro attrattività, con conseguenze che non possono sfuggire). Proprio per questo nel settembre dello scorso anno era stato chiesto un incontro urgente con l’assessore regionale Michele Fioroni, purtroppo ad oggi non ancora fissato. Lo scopo era l’organizzazione di un tavolo di confronto che potesse affrontare in maniera organica e condivisa le problematiche derivanti, anche in considerazione dell’aggressività degli operatori telefonici. Rilanciamo all’assessorato tale richiesta nella speranza che oggi, che siamo in una fase ‘emergenziale’, si possa affrontare il tema insieme. In rappresentanza dei Piccoli Comuni umbri lancio un forte segnale anche ad Anci nazionale, perché si faccia parte attiva nella risoluzione delle problematiche, per la tutela degli interessi di tutti i Comuni italiani, dei cittadini e delle imprese, che rischiano la svalutazione dei propri investimenti. Infine, – conclude Gori – chiederemo un incontro ai parlamentari umbri, visto che l’emendamento è già passato al Senato con i voti di fiducia e che presto approderà alla Camera”.




ANCI UMBRIA, FEDERSANITÀ ANCI UMBRIA E OFI UMBRIA INSIEME PER PROMUOVERE IL BENESSERE

Anci Umbria, Federsanità Anci Umbria e Ofi Umbria per promuovere il benessere del cittadino

Firmato protocollo d’intesa per promuovere sui territori i sani e corretti stili di vita

Perugia, 26 giugno 2024 – Un protocollo d’intesa tra Anci Umbria, Federsanità Anci Umbria e Ofi Umbria (Ordine Regionale della Professione Sanitaria di Fisioterapista dell’Umbria) per condividere l’opportunità di attivare ed implementare azioni di sistema che favoriscano dialoghi costruttivi, oltre che un’efficace interrelazione ed integrazione tra Istituzioni ed Enti, con l’obiettivo comune di favorire e condividere eventi volti a migliorare il benessere del cittadino. È quanto sottoscritto questa mattina (mercoledì 26 giugno) presso la sala Pagliacci del palazzo della Provincia di Perugia alla presenza di Michele Toniaccini, presidente di Anci Umbria, Manuel Petruccioli, presidente di Federsanità Anci Umbria e sindaco di Giano dell’Umbria, e Daniela Gaburri, presidente Ofi Umbria, ordine con circa 950 iscritti.

“Si tratta di un’altra iniziativa che ha la finalità di coinvolgere i Sindaci di tutti i territori della regione Umbria – ha esordito Michele Toniaccini per promuovere le buone prassi e i sani stili di vita, per tutelare la salute dei nostri concittadini e che si aggiunge alle altre che abbiamo sottoscritto in precedenza, con le quali stiamo cercando di attivare un percorso sui vari territori della regione per coinvolgere le realtà associative che fanno prevenzione, informazione, formazione, supporto ed assistenza ai malati e alle loro famiglie. Abbiamo già fatto degli incontri a Spoleto, Terni, Marsciano ed è in programma un’uscita a Città di Castello. Anche in questo caso è previsto il coinvolgimento delle realtà associative, delle amministrazioni comunali e dei Sindaci, che svolgono un ruolo di coordinamento e di promozione dei servizi svolti da tutte queste associazioni. Ringrazio tutte le persone che collaborano con queste realtà che supportano i pazienti e che danno un servizio dignitoso alle loro famiglie”.

“In questo protocollo – ha spiegato Manuel Petruccioli abbiamo introdotto la possibilità di utilizzare la piattaforma nazionale Federsanità Academy, questa accademia che vuole mettere a disposizione dei cittadini e degli operatori sanitari la possibilità di crescere, informare, informarsi ed istruirsi sulle buone pratiche”.

“Abbiamo voluto sottoscrivere questo protocollo – ha rimarcato Daniela Gaburri perché crediamo molto nelle collaborazioni con le istituzioni e le associazioni. In particolare Anci, che rappresenta i Comuni della nostra regione, sicuramente ha una visione completa di tutto quello che può riguardare la sanità nel territorio per capire se i servizi sono adeguati per i bisogni dei cittadini. In qualche modo ci serve per essere vicino alle persone, per soddisfare i loro bisogni sia nell’ambito della riabilitazione ma anche della prevenzione di aggravamenti che possono in qualche modo portare ad uno scadimento della qualità della vita. Il nostro obiettivo è quello di promuovere la nostra figura, diffondere le informazioni corrette tra cittadini e tra gli altri professionisti. Con questo protocollo vogliamo collaborare anche per la realizzazione di eventi informativi e formativi”.

Varie sono le azioni previste dal protocollo che vanno da azioni legate alla comunicazione (come, ad esempio, con i canali informativi ordinari e piattaforma Anci Umbria), alla condivisione di interventi finalizzati all’innovazione (condividendo, ad esempio, i processi formativi messi in campo anche dalla neonata a livello nazionale Federsanità Academy dedicando settori del catalogo di formazione ai sanitari), coprogammazione e coprogettazione (collaborando, ad esempio, alla definizione, pianificazione e realizzazione di processi di comunicazione e di valorizzazione nelle Zone Sociali per le aree di comune interesse), promozione delle buone prassi e sviluppo di nuove iniziative su aree ed attività di interesse generale (come promuovere lo sviluppo, promozione ed implementazione di percorsi di co-progettazione sulle azioni correlate al tema dell’integrazione), alleanza per la promozione della salute (con il coinvolgimento dei firmatari alla redazione e realizzazione del Piano Sociale e del Piano Sanitario Regionale per una realizzazione di politiche territoriali sociosanitarie rivolte alle fasce più deboli e ai nuclei familiari in difficoltà, attraverso percorsi di intercettazione precoce).

Protocollo ANCI-OFI Umbria Federsanita

 




DECARO, SALUTI E RINGRAZIAMENTI AI COLLEGI SINDACI PER IL PERCORSO FATTO INSIEME

Decaro (ANCI): “Grazie a tutti i miei colleghi sindaci, abbiamo lavorato per il Paese nell’interesse delle nostre comunità”

“Ringrazio tutti per il sostegno che ho ricevuto in questi otto anni, per l’amicizia e la solidarietà che ho sempre sentito da parte della comunità dei sindaci”. Così il presidente dell’Anci, Antonio Decaro, si è rivolto al Consiglio nazionale dell’Anci riunito oggi a Roma. “In questo periodo – ha ricordato il presidente dell’Anci – abbiamo affrontato e superato momenti difficili e perfino drammatici della storia d’Italia, ma davanti a ogni sfida l’Anci ha dimostrato di essere un bel gruppo di donne e di uomini strettamente uniti dalla passione per il proprio lavoro, dalla condivisione concreta dei problemi, dall’interesse per trovare le soluzioni migliori per il Paese, da un modo di lavorare nel quale tutti riescono a dare e a ricevere il meglio”.

“La grande forza dell’Anci – ha aggiunto Decaro – è sempre stata la sua unità, al di là delle provenienze territoriale e delle appartenenze politiche, e così continuerà a essere. Ci sono fra noi tante persone che possono fare bene nei ruoli di rappresentanza dell’Associazione e sono orgoglioso perché lascio a chi verrà dopo di me una struttura di grande qualità e di alta professionalità che è fra i migliori sui quali l’Italia possa contare. Per questo – ha concluso Decaro – sono sicuro che l’Anci saprà trovare le soluzioni migliori per confermare il proprio ruolo centrale nel sistema istituzionale italiano, in una fase politica, sociale ed economica che si preannuncia difficile e piena di scadenze impegnative”.

Il presidente Decaro ha infine comunicato che una Commissione di garanzia sarà incaricata di gestire i passaggi interni in vista dell’Assemblea nazionale che si terrà a Torino dal 20 al 22 novembre.

Roma, 18 giugno 2024
Ufficio stampa Anci

 




MANUALE ANCI PER GLI AMMINISTRATORI NEO ELETTI (QUINTA EDIZIONE)

All’interno del Quaderno Anci n. 50 modelli, bozze di atti amministrativi e prime deliberazioni pronte all’uso. E ancora i moduli per dichiarazioni di assenza di cause di incompatibilità e di eleggibilità degli incarichi. Guarda l’articolo dedicato da “Italia Oggi” all’argomento.

Giunto alla sua quinta edizione, il Manuale Anci per i neo amministratori locali (sono 50 in totale i manuali Anci) si arricchisce quest’anno di nuovi Focus, tra cui quelli sulle pari opportunità, sulle cause di decadenza dal Consiglio, sull’Ufficio di Presidenza del Consiglio comunale, solo per citare alcuni esempi. Inoltre, è stata aggiornata la giurisprudenza, anche costituzionale, in materia di inconferibilità di incarichi in società partecipate, ovvero nella materia dell’attribuzione di competenze gestionali ai componenti dell’organo esecutivo.
Il Manuale è arricchito da modelli, bozze di atti amministrativi e prime deliberazioni, oltre a moduli per dichiarazioni di assenza di cause di incompatibilità e di eleggibilità degli incarichi, che forniscono strumenti pratici già pronti all’uso.